Accedi

III ANNUALITA' - ANNO SCOLASTICO 2018/2019

Breve descrizione dell’azione

La presenza di classi sempre più eterogenee amplifica, per i docenti, la sfida di valorizzare la diversità, quale valore irrinunciabile, interpretando l’inclusione come modalità “quotidiana” di gestione delle classi.  Affinché sia possibile ripensare la progettazione curricolare come flessibile e aperta a differenti abilità, in modo da assicurare ad ogni studente una propria forma di eccellenza cognitiva, è necessario fornire ai docenti strumenti metodologici che consentano di differenziare l’azione didattica adeguandola ai bisogni degli allievi.

 

Competenza attesa

Usare la diversità negli approcci e negli stili di insegnamento come risorsa didattica e saper utilizzare una serie di metodi didattici, di approcci pedagogici e di strategie, che promuovano atteggiamenti inclusivi, favorendo un apprendimento disciplinare, pratico, sociale ed emotivo.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

Breve descrizione dell’azione

I disturbi specifici di apprendimento costituiscono la tipologia di difficoltà maggiormente diffusa in età evolutiva che compromette il normale processo di apprendimento scolastico dell’allievo mettendo a rischio il raggiungimento del successo formativo. E’ quindi necessario migliorare la formazione dei docenti ampliando le conoscenze delle diverse tipologie di disturbo in modo da facilitarne la diagnosi precoce e l’utilizzo di  strumenti metodologici che siano calibrati sull’allievo e che consentano di ridurre le conseguenze del disturbo sugli apprendimenti.

Competenza attesa

Sviluppare e applicare metodologie di intervento e conoscenze teorico-pratiche sulle misure compensative e dispensative da attuare, favorendo il riconoscimento e la valorizzazione delle abilità e competenze degli alunni con DSA.

 

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

Breve descrizione dell’azione

La Legge n. 107/2015 potenzia e valorizza l’ASL quale metodologia didattica innestata all’interno del curricolo scolastico  e componente strutturale della formazione “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”. In conseguenza anche dell’obbligatorietà dei percorsi si rende necessaria una formazione dei docenti che fornisca elementi per la progettazione e la realizzazione di percorsi innovativi, che valorizzino le vocazioni personali e gli interessi dei discenti collegandole allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

 

Competenza attesa:

Sviluppare percorsi di alternanza innovativi, qualitativamente rilevanti e completi nelle diverse fasi di processo

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

 

Destinatari

Docenti scuola secondaria di II grado

 

 

Breve descrizione dell’azione

La formazione dei docenti è un elemento fondamentale per lo sviluppo di una cultura della valutazione e diviene una leva indispensabile per l’orientamento delle scelte della scuola e per la promozione della qualità organizzativa e professio­nale.  Si rende, quindi, necessario promuovere la partecipazione attiva di tutti i docenti, che in tal modo non sono  “destinatari passivi” delle azioni valutative, ma protagonisti attivi del mi­glioramento.

 

Competenza attesa:

Sostenere e sviluppare il ruolo strategico del processo di autovalutazione, per orientare in termini formativi, proattivi e riflessivi lo sviluppo del miglioramento a tutti i livelli.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

II ANNUALITA' - ANNO SCOLASTICO 2017/2018

Breve descrizione dell’azione

Il corso è volto ad incentivare l’applicazione di metodologie didattiche attive e innovative finalizzate allo sviluppo delle competenze che rendano lo studente co-costruttore del suo sapere attraverso il procedere per compiti di realtà, problemi da risolvere, strategie da trovare e scelte da motivare. Saranno approfondite le connessioni con gli ambienti di apprendimento quale dimensione metodologico-didattica privilegiata, motivante ed efficace per lo sviluppo delle competenze.

Competenza attesa

Organizzare e animare situazioni e ambienti di apprendimento con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi, ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con

ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

 

Breve descrizione dell’azione

Favorire l’acquisizione nei discenti delle competenze di cittadinanza appare fondamentale non solo per raccogliere la sfida che la formazione civica dei cittadini europei rappresenta per le future generazioni, quanto per favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale. Il corso si propone di fornire agli insegnanti metodologie e strumenti di didattica attiva che, mediante l’integrazione delle competenze di cittadinanza all’interno del curricolo, consentano di superare l’unilateralità dell’approccio disciplinare a favore della trasversalità e unicità del sapere.

Competenza attesa

Ripensare alle “discipline di studio” come campi di significato per la promozione di competenze di cittadinanza attiva, acquisendo e definendo elementi di metodo di didattica integrata, che incoraggino i processi di pensiero e di analisi su temi legati alle dimensioni civiche e gli intrecci tra gli skills for life e l’educazione alla cittadinanza.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

Breve descrizione dell’azione

Il preoccupante dilagare di fenomeni espressione del disagio giovanile rafforza la necessità di un sistema educativo proattivo nel quale la scuola e la classe diventino luoghi di assunzione di responsabilità delle esigenze e dei bisogni dell’altro. Da qui l’idea di un percorso formativo che incentivi nei docenti l’utilizzo di modelli e metodi che privilegino gli aspetti emotivi del processo di sviluppo dell’allievo accanto a quelli cognitivi. Saranno approfondite l’educazione all’affettività e lo sviluppo dell’intelligenza emotiva, la relazione empatica, l’ascolto e la comunicazione verbale e non verbale quali elementi fondamentali per uno sviluppo armonico della personalità degli alunni, per prevenire e combattere l’insuccesso scolastico e la dispersione, e per incentivare la coesione sociale.

Competenza attesa

Riconoscere, comprendere e valorizzare il legame tra gli stati affettivi ed i processi cognitivi, promuovendo la negoziazione e realizzando elevati standard di qualità per il benessere degli studenti al fine di contrastare l'insuccesso scolastico e prevenire la dispersione.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

Breve descrizione dell’azione

La valutazione, intesa come accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo, si fonda sulla convinzione che l’apprendimento scolastico non si dimostra con l’accumulo di nozioni, ma con la capacità di generalizzare, di trasferire e di utilizzare la conoscenza acquisita a contesti reali. Il corso, differenziato per ordine e grado scolastico, si propone di guidare i docenti nella costruzione e nell’utilizzo di strumenti che privilegino la valutazione autentica di apprendimenti significativi. Saranno inoltre esaminate le modifiche normative conseguenti al D. Lgs n. 62/2017 e ai D.M. n. 741 e n. 742 del 2017, approfondendo i temi della valutazione formativa, del nuovo ruolo delle prove Invalsi, della certificazione delle competenze e dei nuovi esami di stato.

Competenza attesa

Costruire ed utilizzare rubriche, diari di bordo, autobiografie cognitive ed altri strumenti per la valutazione degli apprendimenti e la certificazione delle competenze.

Destinatari      Docenti di ogni ordine e grado

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con

ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

 

Breve descrizione dell’azione

Il corso è rivolto ai docenti di scuola primaria e dell’infanzia (interessati a eventuale passaggio alla scuola primaria) che intendono completare e rafforzare la formazione linguistica in lingua inglese adeguandola agli standard del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, adottato nel 1996 dal Consiglio d'Europa. Tenendo conto delle competenze linguistiche già possedute dagli iscritti il corso verrà strutturato in due diversi livelli: Livello Elementare A1 e Livello Intermedio B2. Le attività formative saranno finalizzate allo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative e metodologico-didattiche necessarie per il conseguimento della certificazione linguistica.

Competenza attesa

Competenze grammaticali e lessicali di livello A2 e B1.

Modalità organizzative*

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

50*/70*

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

8

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

20

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2

 

Destinatari

Docenti di Scuola Primaria

Docenti dell’Infanzia interessati al passaggio di ruolo

 

 

 

*Il monte ore complessivo di formazione in presenza e le modalità organizzative saranno definiti in maniera differenziata in base al livello di competenza da raggiungere.

 

 

Breve descrizione dell’azione

Il corso, destinato a docenti di scuola dell’infanzia statale, aperto anche a docenti ed educatori di altri comparti educativi, intende fornire gli strumenti pedagogico-didattici necessari per sviluppare negli alunni potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento in un adeguato contesto affettivo, ludico e cognitivo. Le attività formative incentrate sui temi della cultura dell’infanzia, in connessione con il D. Lgs. n. 65/2017, faciliteranno l’acquisizione di competenze progettuali e metodologiche sui campi di esperienza valorizzando le conoscenze dei corsisti attraverso il vissuto in situazione, passando dalla teoria alla pratica.

Competenza attesa

Applicare metodologie e strumenti innovativi per realizzare attività all'interno della scuola dell’infanzia favorendo la continuità educativa.

 

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5 h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

 

 

Destinatari

Docenti ed educatori di scuola dell’infanzia

 

 

Breve descrizione dell’azione

Il corso è rivolto alla formazione della figura del referente/coordinatore per l’inclusione affinché possa costituire un punto di riferimento nell’istituzione scolastica sui temi dell’inclusione e della disabilità privilegiando e migliorando il coinvolgimento dei genitori degli alunni disabili, dei docenti specializzati e di tutti i docenti nei processi di integrazione. Il percorso formativo prevede l’approfondimento delle innovazioni introdotte con il D.lgs. n. 66/2017, una parte generale comune relativa alla certificazione, diagnosi funzionale, profilo dinamico funzionale (nella prospettiva della loro evoluzione) e una parte specifica relativa al PEI e alla progettazione didattica, differenziata per i diversi ordini e gradi di istruzione.

Competenza attesa

Assicurare un efficace coordinamento di tutte le attività progettuali di istituto, finalizzate a promuovere la piena integrazione di ogni alunno nel contesto della classe e della scuola.

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale, documentazione, lavoro on line

7 h

 

 

 

Destinatari

Un docente per ogni Istituto scolastico individuati dai rispettivi DD.SS. tra:

  1. Insegnanti di sostegno di ruolo (prioritariamente)
  2. Insegnanti a T.D. non specializzati in servizio sul sostegno
  3. Insegnanti curricolari

 

 

Breve descrizione dell’azione

Il corso, rivolto ai docenti che vogliono migliorare la qualità e l’espressività del proprio linguaggio verbale, nasce dalla constatazione che molti degli errori linguistici commessi dagli alunni derivano da difetti di pronuncia conseguenti alle inflessioni ed espressioni dialettali tipiche del nostro territorio. Da qui il bisogno condiviso di un percorso formativo che consenta di acquisire le tecniche per pronunciare correttamente le parole, valorizzare le potenzialità dello strumento vocale, interpretare senso e atmosfere di un testo leggendolo espressivamente e rendendone piacevole l’ascolto aumentando, così, il grado di attenzione degli alunni.

Competenza attesa

Utilizzare le potenzialità creative ed espressive della propria voce per suscitare immagini ed emozioni stimolando l’attenzione degli ascoltatori.

Destinatari: docenti in servizio nelle II.SS. che fanno parte della Rete di scopo

Modalità organizzative

 

Formazione in presenza e attività laboratoriale

12 h

Sperimentazione didattica documentata e ricerca/azione

6 h

Approfondimento personale e/o collegiale anche on line

5h

Documentazione, restituzione/rendicontazione con ricaduta nell’Istituto di appartenenza

2 h

  • ITC “L. Palma” – Capofila
  • IIS “F. Bruno – G. Colosimo”
  • IC “Don Bosco”
  • IC “Erodoto”
  • IIS “Green – Falcone e Borsellino”
  • IC “C. Guidi”
  • IC “ P. Leonetti Senoir”
  • IC “V. Tieri”

 

 

LE SCUOLA DELL’AMBITO

Comune di Amendolara

  • IC Amendolara-Oriolo-Roseto

Comune di Cariati

IC:

  • IC Cariati

II Grado:

  • IIS “LS-IPSCT-ITE-ITI-IPSEO”

Comune di Cassano allo Ionio

IC:

  • “Troccoli” Lauropoli
  • “B. Lanza – L. Milani”
  • “Zanotti Bianco” Sibari

II Grado:

  • IIS “IPSIA-ITC-IPA-LC”

Comune di Corigliano Calabro

IC:

  • “Don Bosco”
  • “Erodoto”
  • “C. Guidi”
  • “Leonetti”
  • “V. Tieri”

II grado:

  • ITC “L. Palma”
  • IIS “N. Green – Falcone e Borsellino”
  • IIS “F. Bruno – G. Colosimo”

Comune di Cropalati:

  • IC “B. Bennardo”

Comune di Crosia

  • IC Crosia - Mirto

Comune di Francavilla Marittima

  • IC “Corrado Alvaro” Francavilla/Cerchiara

Comune di Longobucco

  • Istituto Omnicomprensivo

Comune di Mandatoriccio

  • Istituto Omnicomprensivo

Comune di Rocca Imperiale

  • IC Rocca Imperiale/ Montegiordano

Comune di Rossano:

IC:

  • “A. Amarelli”
  • Rossano I
  • Rossano II
  • Rossano III

II Grado:

  • IIS “LC-LS-LA”
  • IIS “ITAS-ITC”
  • IIS “ITI-IPA-ITA”

Comune di Trebisacce

IC:

  • “C. Alvaro”

II Grado:

  • IIS “E. Aletti”
  • Liceo Scientifico “G. Galilei”
  • ITS “G. Filangieri”

Comune di Villapiana

  • IC “G. Pascoli”

Anni Scolastici 2017/2018 – 2018/2019

 Competenze di sistema                                    

Breve descrizione dell’azione

Lavorare sulle competenze degli studenti, per svilupparle al meglio, richiede un cambiamento di paradigma dell’azione didattica complessiva rafforzando l’applicazione di metodologie attive che rendano lo studente co-costruttore del suo sapere attraverso il procedere per compiti di realtà, problemi da risolvere, strategie da trovare e scelte da motivare. Il tutto in ambienti di apprendimento rinnovati,  innovativi, motivanti ed efficaci.

Competenza attesa:

Organizzare e animare situazioni e ambienti di apprendimento con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi, ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

 

 Competenze di sistema                                    

 

 Breve descrizione dell’azione

Favorire  l’acquisizione nei discenti delle competenze di cittadinanza appare fondamentale non solo  per raccogliere la sfida che la formazione civica dei cittadini europei rappresenta per le future generazioni, quanto per favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale. Affinché la scuola realizzi tale compito è necessario offrire agli insegnanti metodologie e strumenti di didattica attiva che, mediante l’integrazione delle competenze di cittadinanza all’interno del curricolo, consentano di superare l’unilateralità dell’approccio disciplinare a favore della trasversalità e unicità del sapere.

Competenza attesa:

Ripensare alle “discipline di studio” come campi di significato per la promozione di competenze di cittadinanza attiva, acquisendo e definendo elementi di metodo di didattica integrata, che incoraggino i processi di pensiero e di analisi su temi legati alle dimensioni civiche e gli intrecci tra gli skills for life e l’educazione alla cittadinanza.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

 Competenze per una scuola inclusiva

 

 Breve descrizione dell’azione

La presenza di classi sempre più eterogenee amplifica, per i docenti, la sfida di valorizzare la diversità, quale valore irrinunciabile, interpretando l’inclusione come modalità “quotidiana” di gestione delle classi.  Affinché sia possibile ripensare la progettazione curricolare come flessibile e aperta a differenti abilità, in modo da assicurare ad ogni studente una propria forma di eccellenza cognitiva, è necessario fornire ai docenti strumenti metodologici che consentano di differenziare l’azione didattica adeguandola ai bisogni degli allievi.

 

Competenza attesa:

Usare la diversità negli approcci e negli stili di insegnamento come risorsa didattica e saper utilizzare una serie di metodi didattici, di approcci pedagogici e di strategie, che promuovano atteggiamenti inclusivi, favorendo un apprendimento disciplinare, pratico, sociale ed emotivo.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

Competenze per una scuola inclusiva

 

Breve descrizione dell’azione

I disturbi specifici di apprendimento costituiscono la tipologia di difficoltà maggiormente diffusa in età evolutiva che compromette il normale processo di apprendimento scolastico dell’allievo mettendo a rischio il raggiungimento del successo formativo. E’ quindi necessario migliorare la formazione dei docenti  ampliando le conoscenze delle diverse tipologie di disturbo in modo da facilitarne la diagnosi precoce e l’utilizzo di  strumenti metodologici che siano calibrati sull’allievo e che consentano di ridurre le conseguenze del disturbo sugli apprendimenti.

Competenza attesa:

Sviluppare e applicare metodologie di intervento e conoscenze teorico-pratiche sulle misure compensative e dispensative da attuare , favorendo il riconoscimento e la valorizzazione delle abilità e competenze degli alunni con DSA.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

Competenze per una scuola inclusiva

 

Breve descrizione dell’azione

Il preoccupante dilagare di fenomeni espressione del disagio giovanile rafforza la necessità di un sistema educativo proattivo nel quale la scuola e la classe  diventino luoghi di assunzione di responsabilità delle esigenze e dei bisogni dell’altro. Occorre, quindi, che la formazione degli insegnanti si confronti con la neces­sità di utilizzare metodi e modelli che non trascurino gli aspetti emotivi del processo di sviluppo dell’allievo a vantaggio di quelli puramente cognitivi, dimenticando che l’individuo è totalità integrata ed organizzata e  va educato nella sua interezza. In tale contesto l’educazione all’affettività e lo sviluppo dell’intelligenza emotiva diventano, quindi, elementi fondamentali per uno sviluppo armonico della personalità degli alunni, per prevenire la dispersione scolastica, per incentivare la coesione sociale, per il recupero e la riqualificazione del territorio.

Competenza attesa:

Riconoscere, comprendere e valorizzare il legame tra gli stati affettivi ed i processi cognitivi, promuovendo la negoziazione e  realizzando elevati standard di qualità per il benessere degli studenti.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

Competenze per il 21mo secolo

 

Breve descrizione dell’azione

La Legge n. 107/2015 potenzia e valorizza l’ASL quale metodologia didattica innestata all’interno del curricolo scolastico  e componente strutturale della formazione “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”. In conseguenza anche dell’obbligatorietà dei percorsi si rende necessaria una formazione dei docenti che fornisca elementi per la progettazione e la realizzazione di percorsi innovativi, che valorizzino le vocazioni personali e gli interessi dei discenti collegandole allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

 

Competenza attesa:

Sviluppare percorsi di alternanza innovativi, qualitativamente rilevanti e completi nelle diverse fasi di processo

 

Destinatari

Docenti scuola secondaria di II grado

 

 

 

 Competenze di sistema                                    

 

Breve descrizione dell’azione:

La valutazione, intesa come accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo, si fonda sulla convinzione che l’apprendimento scolastico non si dimostra con l’accumulo di nozioni, ma con la capacità di generalizzare, di trasferire e di utilizzare la conoscenza acquisita a contesti reali. Occorre, quindi, un’azione formativa che guidi i docenti nella costruzione di strumenti che privilegino la valutazione autentica di apprendimenti significativi come momento imprescindibile per la certificazione delle competenze.

 

Competenza attesa:

Costruire ed utilizzare rubriche, diari di bordo, autobiografie cognitive ed altri strumenti per la valutazione degli apprendimenti e la certificazione delle competenze.

  

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

 

 

 Competenze di sistema                                    

 

Breve descrizione dell’azione

La formazione dei docenti è un elemento fondamentale per lo sviluppo di una cultura della valutazione e diviene una leva indispensabile per l’orientamento delle scelte della scuola e per la promozione della qualità organizzativa e professio­nale.  Si rende, quindi, necessario promuovere la partecipazione attiva di tutti i docenti, che in tal modo non sono  “destinatari passivi” delle azioni valutative, ma protagonisti attivi del mi­glioramento.

 

Competenza attesa:

Sostenere e sviluppare il ruolo strategico del processo di autovalutazione, per orientare in termini formativi, proattivi e riflessivi lo sviluppo del miglioramento a tutti i livelli.

 

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

Per il triennio scolastico 2016/2019 sono state pianificate 10 unità formative, replicabili più volte, suscettibili di modifiche ed integrazione in relazione ad eventuali azioni formative nazionali, variazioni dei bisogni delle Istituzioni Scolastiche dell’Ambito e qualsiasi ulteriore necessità ravvisata a livello diffuso. Al pari di qualsiasi attività di progettazione e pianificazione, il Piano ha  un’impronta dinamica e flessibile tale da favorirne il raccordo con una realtà sociale, economica e culturale in continua evoluzione.

ANNO SCOLASTICO 2016/2017

Breve descrizione dell’azione

Lo sviluppo delle competenze risponde all’esigenza, sempre più diffusa, di preparare i giovani ad affrontare le sfide di una società contemporanea in continuo mutamento, rendendoli capaci di risolvere situazioni problematiche nella vita personale e lavorativa.  Affinché ciò avvenga è  necessario un  ripensamento del modo di affrontare l’apprendimento e il suo sviluppo. L’aspetto metodologico diventa sempre più centrale e pone i contenuti in posizione strumentale rispetto allo sviluppo delle competenze. Mediante tale azione formativa verranno proposti efficaci modelli di lavoro e percorsi didattici che consentiranno di realizzare apprendimenti significativi, cooperativi e flessibili utilizzando metodologie didattiche innovative che rendano l’alunno protagonista del suo apprendimento.

Competenza attesa:

Promuovere la connessione tra progettazione dei curricoli, azione didattica  in classe, valutazione formativa e certificazione degli apprendimenti sperimentando e implementando modelli didattici innovativi e collaborativi.

Breve descrizione dell’azione

Lo sviluppo delle competenze risponde all’esigenza, sempre più diffusa, di preparare i giovani ad affrontare le sfide di una società contemporanea in continuo mutamento, rendendoli capaci di risolvere situazioni problematiche nella vita personale e lavorativa.  Affinché ciò avvenga è  necessario un  ripensamento del modo di affrontare l’apprendimento e il suo sviluppo. L’aspetto metodologico diventa sempre più centrale e pone i contenuti in posizione strumentale rispetto allo sviluppo delle competenze. Mediante tale azione formativa verranno proposti efficaci modelli di lavoro e percorsi didattici che consentiranno di realizzare apprendimenti significativi, cooperativi e flessibili utilizzando metodologie didattiche innovative che rendano l’alunno protagonista del suo apprendimento.

Competenza attesa:

Promuovere la connessione tra progettazione dei curricoli, azione didattica  in classe, valutazione formativa e certificazione degli apprendimenti sperimentando e implementando modelli didattici innovativi e collaborativi.

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado

 

Breve descrizione dell’azione

 La classe si configura come un fondamentale spazio di crescita in cui lo studente sperimenta le proprie competenze e sviluppa la propria identità, in un continuo scambio con i pari e gli insegnanti, nel quale i processi emotivi e relazionali assumono un ruolo centrale.  Lo spazio classe è, quindi, per i discenti luogo di appartenenza e di sperimentazione del sé nel rapporto con gli altri. In tale contesto l’empatia diventa un elemento fondamentale della relazione educativa ed elemento strategico nella gestione di classi eterogenee, numerose e multietniche.

Competenza attesa:

Gestire, costruire e sostenere la relazione con il soggetto in formazione attuando strategie per la gestione e la valorizzazione dell’eterogeneità delle classi, promuovendo la centralità dello studente e della persona.

Destinatari

Docenti di ogni ordine e grado